Sosteniamo le vostre richieste: no alle sanzioni senza vaccino

La UIL Scuola Lombardia, sollecitata ad esprimersi sulla nota MI del 13.8.2021, dopo i risultati del sondaggio proposto sul green pass pubblicato in data 12 agosto 2021 sull’obbligo del  green pass e pubblicato il risultato in data 16 agosto 2021 ritiene comunicare, a quanti non hanno condiviso le scelte di cui  al DECRETO-LEGGE  6 agosto 2021, n. 111–

Misure urgenti per l’esercizio in sicurezza delle attivita’ scolastiche, universitarie, sociali e in materia di trasporti- che si stanno valutando azioni di impugnativa per evitare che venga meno il diritto di ognuno a decidere liberamente senza la spada di Damocle delle sanzioni previste per il personale scolastico che non  accetta l’ imposizione a vaccinarsi.

se clicchi sull’immagine puoi apporre la tua firma

Comprendiamo la necessità sanitaria di intervenire e di mettere in sicurezza la salute di chi lavora nella scuola, ma troviamo i metodi del Governo lontani dalla democrazia che i nostri padri Costituenti ci hanno ereditato.

Non discutiamo della validità del vaccino perchè non è nostra competenza, ma riteniamo utile, in uno Stato democratico, che ci fosse più chiarezza delle azioni governative, e specialmente assunzione di responsabilità.

Il protocollo ci ha colti impreparati perchè non avremmo mai pensato che si potesse arrivare a “minacciare” il singolo lavoratore  senza che ci sia un obbligo di legge.

Una cosa è invitare a vaccinarsi, un’altra è minacciare di sanzioni il personale scolastico che non si vaccina. Noi stessi abbiamo invitato a vaccinarsi in varie occasioni pubblicando le varie possibilità di accesso ai centri vaccinali.

Lo Stato si deve assumere le sue responsabilitĂ , non minacciare!

Rischi e benefici non sono stati presi in considerazione a nostro parere in quanto i rischi restano tutti a carico dei vaccinandi e i benefici forse ci saranno ma nessuno può esserne certo.

E sui tamponi che se effettuati ogni 48 ore come la mettiamo? Ci si sottoporrà in continuazione? Dal punto di vista medico è accettabile?

Le persone esenti dal vaccino per accertata incompatibilitĂ  medica e non lo dovranno fare metteranno a rischio gli altri?

La colpa dell’epidemia non è dei docenti o del personale ATA e il mancato rientro a scuola di tutti è colpa della mancanza di seri e massicci interventi da parte dell’istruzione pubblica. 

Ma noi cosa possiamo fare? 

Aiutateci a dare voce alle nostre richieste perchè da soli non possiamo fare molto, ma insieme possiamo cercare di sollecitare il Ministro per una soluzione condivisa dalla categoria e dalla comunità scolastica, con una petizione massiccia e con altre azioni che saranno programmate..

Non escludiamo un ricorso collettivo qualora venissero comminate sanzioni.

Pertanto, se condividi ciò che abbiamo espresso, ti chiediamo di aderire apportando:

nome e cognome, residenza, data e luogo di nascita. a questo link oppure inviare una mail a lombardia@uilscuola.it.

Comunichiamo inoltre che sarà indetta a breve un’assemblea in modalità a distanza per fare  il punto della situazione.

 

La Segreteria Territoriale UIL SCUOLA BRESCIA